Poesie

Stanza

Ci sono gli orecchini,
tutti tristi,
pensano
tu li abbia abbandonati.

Quel disegno
appena cominciato,
chiede se tornerai.

Il libro,
a pagina centoventidue,
non ne vuole sapere
di essere finito
senza quei tuoi occhi blu.

L’orologio appeso
si rifiuta di contare,
sta lì stizzito
fermo all’ora
in cui sei andata via.

La lampada
fa i capricci
e si spegne,
dice che a fare
due ombre
si divertiva di più.

Il letto brontola
che manca il tuo odore,
e le pareti
si ricordano
quant’era bello
contenere
il tuo calore.

C’è una stanza
che chiede di te,
in una casa
che – immobile –
resta in attesa,
in quella strada
che amava davvero tanto
quando le giravi l’angolo.

Annunci

26 risposte a "Stanza"

  1. Scrittura poetica, cioè inaspettata nelle associazioni. Come l’aver dato emozioni nuove agli oggetti (“Il letto brontola”). Bravo! Mi ricordi alcuni miei studenti quando hanno felici intuizioni poetiche.
    A presto, Es.

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...